Business plan vs business case: what's the difference?

difference between business case and business plan

Do a business case and a business plan sound pretty similar to you? We think so, too! However, those two words don't mean the same thing at all. So it's vital to understand the difference between a business case and a business plan.

What kind of entrepreneur would you be if you didn't know how to differentiate the two? In this guide on business plan vs business case, The Business Plan Shop helps you get your facts right.

What is a business case?

A business case is a document that provides the necessary justification to invest time or money in a new project, generally within a company.

Commonly used in bigger companies, the business case helps the decision-making process in the prioritisation of one project over another.

Big companies often have a vast variety of teams, and with all of them likely believing that their project is top priority, the company's money needs to be used carefully.

The difference between a business case and a business plan here is that the business case will be used for decision making inside the company.

What is the business case's purpose?

The business case must answer 4 questions:

What is the project?

Why should this project get picked over another?

Who will be involved?

How much will it cost?

The business case presents the project in detail. Whether it's a product or a service, a business case demonstrates what the project will achieve for the company.

The business case highlights the project's benefits, and how valuable it is for the company.

It could be a business opportunity, such as adding a feature to an existing product to boost sales, or implementing an organisational improvement, such as changing the customer support software to gain in productivity and serve customers better.

The business case introduces the people involved in the project, whether they're in the company or not.

It also gives an approximative value of how much the project will cost from start to end, including which team will be in charge and if external support or a third party will be used.

The business case should also underline that the team has the required skills to complete the project.

The business case gives an accurate overall cost of the project, as well as how much profit or cost savings it will bring.

This section shows how long the project will last, and what equipment, financial, and human resources will be needed.

Business case sample

When deciphering the difference between a business plan and a business case, looking at a short sample version of what a business case should look like might help:

The management is looking at improving Coventry's factory production line. The project would involve replacing the equipment on production lines 3 and 4 which were installed in 2004 with more recent equipment.

The cost for this modernisation is estimated at £150k, and would reduce the production cost by 5%, along with reducing the yearly maintenance cost by £5k, which would result in a total gain of £175k, taking into account the expected production volume in the yearly budget.

The replacement should take 3 days and line 3 and 4 will have to cease production during this period. The rest of the lines should continue to run as normal.

Business plans and business cases are not too dissimilar, but it's important to discern why they're not the same.

They both highlight an opportunity. The business case, however, is a short-term gain, whereas the business plan takes on a global and long-term approach.

The difference between a business case and a business plan also derives from the fact that the business case usually refers to a project and one aspect of the business, whereas the business plan presents a detailed plan of action for the entire organisation over several years.

The business plan cannot be completely accurate, as it cannot predict the future and will evolve regularly based on market trends and inflation.

The business plan is based on a series of hypothesis, action plans, and a long-term calendar. Contrastingly, a business case is concrete - mainly because it's aimed at creating a short-term gain for the business with a well defined return on investment.

To sum-up: a business plan is a strategic document, whereas a business plan is a tactical one.

We hope this article helped you in understand the difference between the two. Please do not hesitate to get in touch if you have any questions.

Also on The Business Plan Shop

  • What is a business plan and how do I create one?
  • Download our free business plan template
  • Business model vs business plan: what's the difference?

Guillaume Le Brouster

Founder & CEO at The Business Plan Shop Ltd

Guillaume Le Brouster is a seasoned entrepreneur and financier.

Guillaume has been an entrepreneur for more than a decade and has first-hand experience of starting, running, and growing a successful business.

Prior to being a business owner, Guillaume worked in investment banking and private equity, where he spent most of his time creating complex financial forecasts, writing business plans, and analysing financial statements to make financing and investment decisions.

Guillaume holds a Master's Degree in Finance from ESCP Business School and a Bachelor of Science in Business & Management from Paris Dauphine University.

Create a convincing business plan

Assess the profitability of your business idea and create a persuasive business plan to pitch to investors

The Business Plan Shop | Business Plan Software

500,000+ entrepreneurs have already tried our solution - why not join them?

Not ready to try our on-line tool ? Learn more about our solution here

Need some inspiration for your business plan?

Subscribe to The Business Plan Shop and gain access to our business plan template library.

business plan template library

Need a professional business plan? Discover our solution

Write your business plan with ease!

Business Plan Software

It's easy to create a professional business plan with The Business Plan Shop

Want to find out more before you try? Learn more about our solution here

IAPM International Association of Project Managers

Difference between business model, business plan, business case

Many question marks lie in a heap. In the middle is the word what.

The business model

The business plan, the business case, the chronological order.

Difference between business model, business plan, business case - The IAPM logo

The IAPM certification

The certification can be taken via a reputable online examination procedure. The costs are based on the gross domestic product of your country of origin.

From the IAPM Blog

Become a network official.

Do you want to get involved in project management in your environment and contribute to the further development of project management? Then become active as an IAPM Network Official or as a Network Official of the IAPM Network University. 

Home » Business Plan » Che differenza c’è tra BUSINESS PLAN e BUSINESS MODEL ?

Che differenza c’è tra BUSINESS PLAN e BUSINESS MODEL ?

I 2 termini BUSINESS PLAN e BUSINESS MODEL rappresentano concetti diversi, ma andrebbero usati entrambi durante tutta la vita dell’impresa (non solo all’inizio – start up).

Differenza tra business plan e business model

Differenza tra business plan e business model

Il business model è il meccanismo attraverso il quale l’azienda genera valore, mentre il b usiness plan è un documento che presenta la strategia della società e le performance economico-finanziarie previste per gli anni a venire.

Come si può vedere, il business model è al centro del piano industriale (o business plan).

Il modello di business descrive come l’azienda si posiziona all’interno della catena del valore della sua industria e organizza le relazioni con  fornitori, clienti e partner al fine di generare profitti. Il business plan traduce questo posizionamento in una serie di azioni strategiche e quantifica il loro impatto finanziario nel tempo.

Esempi di business model

Ecco alcuni esempi dei modelli di business più comuni:

  • commissione
  • sottoscrizione

E’ il modello di business di base: la società vende prodotti e servizi che produce.

Per la validità del modello, l’azienda ha bisogno di generare abbastanza vendite per coprire i costi di produzione e di distribuzione.

Qui l’obiettivo è quello di generare ricavi con la vendita di spazi pubblicitari.

Su Internet questo modello può essere segmentato in base al tipo di pubblicità:

  • CPM (costo per mille): l’inserzionista paga l’editore di un importo fisso per 1000 impressioni.
  • CPC (costo per click): l’inserzionista paga l’editore ogni volta che un utente fa clic su un annuncio. L’importo versato può essere fisso o stabilito attraverso un processo di asta.
  • CPA (costo per azione): l’inserzionista paga ogni volta che si esegue una determinata azione. Un’azione può essere per esempio una vendita o un lead  (potenziale cliente). La quantità può essere fissa o impostata come percentuale del valore dell’azione. Questo modello di business è già un po ‘più complesso di quello di produzione, dato che l’azienda deve prima investire in modo da creare un vasto pubblico che possa attrarre gli inserzionisti, puntando sulla riconoscibilità del brand.

Questo modello di business che ha preso piede con il web, sta ultimamente perdendo quota (un po’ come tutto il mondo editoriale). Ne é un esempio la ristrutturazione aziendale e il ripensamento su un nuovo modello di business (ancora non individuato… ) che la piattaforma Medium ha deciso di apportare (3 gennaio 2017): secondo quanto scrive il CEO Ev Williams la società dovrà licenziare 1/3 dei collaboratori chiudendo anche 2 uffici a New York e Whashinghton in quanto la pubblicità non riesce a generare sufficienti profitti.

“We need a new model”

Commissione (o distribuzione)

La società agisce come intermediario tra il venditore e l’acquirente e prende una percentuale su ogni vendita che ha aiutato a generare.

Questo modello di business è in genere meno rischioso rispetto alle 2 precedenti (e quindi meno redditizio) come il livello di investimento richiesto può essere minore.

L’abbonamento

L’azienda riceve ricavi dai suoi abbonati a intervalli regolari.

Questo modello di business ha un vantaggio chiaro: la società sa in anticipo quanto ricavi sta andando a generare. Il rovescio è che spesso ci vogliono diversi mesi per recuperare i costi di acquisizione che portano ad una minore generazione di cassa all’inizio del ciclo.

L’azienda offre 2 versioni del suo prodotto. Una versione gratuita con una serie limitata di funzioni quale obiettivo per aumentare la consapevolezza circa il prodotto principale o per creare un effetto di rete. E una versione a pagamento, comprendente più funzioni, da cui si può generare un margine sufficiente a coprire il costo degli utenti liberi.

Le chiavi del successo di questo modello di business devono essere in grado di generare enormi effetti di rete e/o per convertire un numero sufficiente di utenti free a pagamento (gran parte dei servizi web e start-up offrono questa soluzione).

L’azienda offre un prodotto gratuitamente o ad un prezzo vicino al suo costo di produzione e genera un profitto sulla vendita di accessori. L’esempio classico di questo modello di business è la vendita di lamette da barba: i rasoi sono venduti ad un basso costo, ma bisogna comprare continuamente le lamette per essere in grado di usarlo.

Business plan: bibliografia consigliata

Per ulteriori informazioni sul business plan, si può dare un’occhiata alle guide su come scrivere un business plan o provare il nostro software gratuito per il business plan .

  • tutti i Programmi
  • Business Plan
  • Budget software excel
  • Analisi di Bilancio
  • Liquidità Aziendale
  • Equilibrio Finanziario
  • Valutazione Aziendale
  • Criticità Aziendali
  • Bilancio Intangibile
  • Business plan per Start Up
  • Start Up Innovative
  • Guida DSCR 2023
  • Software DSCR Excel

Giulia Roncoroni

Che differenza c’è tra business model e business plan?

23 Ottobre 2023 6 Settembre 2021 | Giulia Roncoroni

business plan e business case differenza

Business plan e business model sono due espressioni che si sentono nominare sempre più spesso, tanto che a volte c’è un po’ di confusione su cosa sia l’uno e cosa sia l’altro. In questo articolo faccio un po’ di chiarezza, e ti spiego nel dettaglio cosa sono business model e business plan, e qual è la differenza .

Il business model

Il business model, o modello di business, è il modo in cui una attività imprenditoriale o professionale crea i propri prodotti e servizi e li vende ai propri clienti. In altre parole, il modo in cui crea valore per i propri clienti e per i propri soci.

Il modello di business è quindi l’insieme delle caratteristiche di un’azienda, un progetto, o anche solo un’idea:

  • come vengono realizzati i prodotti o erogati i servizi
  • con quale struttura di fornitori
  • quali sono le caratteristiche di beni e servizi che creano il posizionamento sul mercato
  • a quali clienti sono venduti
  • quali sono le competenze specifiche dell’azienda

Per elaborare il modello di business ci sono tantissimi strumenti e tecniche tra cui scegliere. Un metodo che si è diffuso molto negli ultimi anni è il business model canvas . Se ti interessa capire meglio cos’è e come si costruisce un modello di business, ti consiglio di partire proprio dalla tecnica del business model canvas. Non necessariamente è il metodo giusto per te, ma la sua struttura chiarisce in modo semplice quali sono le componenti essenziali di un modello di business completo, ed è quindi un ottimo punto di partenza.

Il business plan

Il business plan invece è un documento in cui viene presentato un progetto o un’intera impresa, e si compone solitamente di:

  • una prima parte descrittiva in cui viene presentato il progetto e si presentano la strategia, il posizionamento sul mercato, la catena di fornitura ecc.
  • una seconda parte numerica in cui si elaborano i dati economici e finanziari dei primi anni (solitamente da 2 a 5 anni)

Se vuoi approfondire, ho scritto un articolo proprio su cos’è e com’è fatto un business plan . Se preferisci, ho fatto anche un video sullo stesso argomento.

La differenza fra business plan e business model

La differenza fra business plan e business model è quindi innanzitutto nella loro “natura”. Il business plan è un documento, mentre il business model è un sistema .

Guardando però un po’ più in profondità, si nota che la prima parte del business plan è, sostanzialmente, la descrizione del business model . C’è quindi un rapporto di consequenzialità fra questi due concetti, perché non è possibile fare un business plan senza aver prima chiarito qual è il modello di business del progetto.

Nella pratica, si potrebbe anche iniziare a costruire il business plan quando alcuni aspetti del modello non sono ancora definitivi, e utilizzare i “risultati” numerici del business plan per chiarirsi le idee e prendere alcune decisioni . Non è però possibile scrivere il business plan senza aver fatto nessun lavoro di analisi del modello di business che si vuole adottare.

Da dove partire?

Se hai un’idea imprenditoriale o professionale che vorresti sviluppare, è importante seguire il percorso nel giusto ordine. Devi quindi partire dalla definizione del modello di business che darai al tuo progetto.

Questo lavoro puoi farlo in autonomia, o con l’aiuto di unǝ professionista. Nel primo caso, puoi utilizzare la tecnica che preferisci, online trovi tantissimo materiale sia sul business model canvas che su molti altri strumenti.

Altri articoli che ti possono interessare

come scrivere un business plan

Scrivere il business plan della tua attività può sembrare un po' come lanciare dei dadi. Sembra impossibile che i numeri…

creare il business plan

Se hai nel cassetto un progetto per un nuovo business, o una passione che vorresti trasformare in un lavoro, sarai…

cos'è il business plan

Ti sarà capitato di leggere o vedere online molti contenuti che parlano di business plan e ti spiegano come farne…

business plan e business case differenza

GIULIA RONCORONI

Sono Giulia Roncoroni e il mio lavoro è accompagnarti nel lancio e nello sviluppo della tua idea di business. Il mio obiettivo è far sì che le preoccupazioni e le difficoltà della partita Iva abbiano il più piccolo impatto possibile sulla tua quotidianità. Così che tu possa usare il tuo tempo e le tue energie per sviluppare le tue idee e le tue creazioni, fare felici i tuoi clienti e, perché no, vivere la tua vita!

Seguimi sui social

© Copyright 2021 Giulia Roncoroni Dottore Commercialista | P.IVA 09372780966 | Studio: Via Carloni n. 90, 22100 - Como

Foto di Francesca Parolin

Giulia Roncoroni Commercialista Como Logo

  • Panoramica privacy
  • Cookie strettamente necessari
  • Cookie di terze parti

Questo sito Web o gli strumenti di terze parti integrati in esso utilizzano i cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento degli scopi descritti nella cookie policy. Per saperne di più si prega di fare riferimento all' informativa sui cookie . Dichiari di accettare l'uso dei cookie facendo clic su accetta. Per modificare la tua scelta potrai in ogni momento cliccare sul pulsante in basso a sinistra "cambia impostazioni cookie".

Cookie tecnici strettamente necessari tecnici per il funzionamento del sito.

Se disabiliti questo cookie, non saremo in grado di salvare le tue preferenze. Ciò significa che ogni volta che visiti questo sito web dovrai abilitare o disabilitare nuovamente i cookie.

Questo sito Web utilizza Google Analytics per raccogliere informazioni anonime come il numero di visitatori del sito e le pagine più popolari.

Mantenere abilitato questo cookie ci aiuta a migliorare il nostro sito Web.

Attiva i cookie strettamente necessari così da poter salvare le tue preferenze!

Bsness.com

BUSINESS MODEL E BUSINESS PLAN

da Stefano Ventura | Apr 24, 2023 | 0 commenti

business model e business plan

Nel mondo imprenditoriale, comprendere le differenze e le interazioni tra il business model e il business plan è fondamentale per il successo di un’impresa.

In questo articolo, esploriamo il concetto di business model , le sue varie tipologie e come si distingue dal business plan.

Approfondiamo l’importanza delle integrazioni tra questi due elementi chiave nella creazione e gestione di un’impresa di successo .

Inoltre, discutiamo il ruolo dei software per il business plan , come quelli offerti da Bsness.com, nel facilitare la definizione e l’implementazione del modello di business e nel realizzare un business plan efficace e sostenibile.

Scopriamo i vantaggi, utilità e benefici di tali strumenti per gli imprenditori e le aziende che desiderano ottimizzare la loro strategia e garantire una crescita sostenibile nel tempo.

Contenuti dell'articolo

LA DIFFERENZA TRA IL BUSINESS MODEL ED IL BUSINESS PLAN

Il business plan.

è un documento formale che descrive in dettaglio l’idea imprenditoriale, gli obiettivi, le strategie, il mercato, la struttura organizzativa, le operazioni e le proiezioni finanziarie di un’impresa.

Esso serve come strumento di pianificazione e comunicazione per presentare un’azienda a potenziali investitori, finanziatori o partner, fornendo un quadro completo del funzionamento dell’azienda e delle sue aspettative di crescita.

Un business plan solitamente comprende una descrizione del prodotto o servizio, un’analisi di mercato, un piano di marketing, un piano operativo, una struttura organizzativa, e un piano finanziario, tra gli altri elementi.

Il business model

invece, è una rappresentazione concettuale e schematica di come un’azienda intende creare, distribuire e catturare valore .

Si concentra sull’idea centrale dell’azienda e descrive come essa genera entrate , come interagisce con i clienti, quali risorse e processi chiave sono necessari per operare e quali sono i principali partner e canali di distribuzione.

Il business model è spesso presentato attraverso il “ Business Model Canvas “, uno strumento visuale che permette di delineare e comprendere il funzionamento di un’azienda in modo rapido ed efficace.

In sintesi, il business plan è un documento dettagliato che delinea la strategia e la pianificazione di un’azienda nel suo complesso, mentre il business model fornisce una visione d’insieme di come l’azienda intende creare e catturare valore .

Entrambi gli strumenti sono importanti per la pianificazione e la gestione di un’impresa, ma servono a scopi diversi e offrono diversi livelli di dettaglio e comprensione delle operazioni aziendali.

SPIEGAZIONE E TRADUZIONE DI BUSINESS MODEL IN ITALIANO

Il termine “business model” può essere tradotto in italiano come “ modello di business ” o “modello di impresa”.

Si tratta di un concetto che descrive la logica con cui un’azienda crea, distribuisce e cattura valore nel contesto del suo mercato e del suo settore di attività.

In altre parole, il modello di business spiega come un’azienda guadagna denaro e come organizza le sue risorse e le sue operazioni per raggiungere i suoi obiettivi.

Il modello di business si concentra su diversi aspetti chiave dell’organizzazione , tra cui i segmenti di clientela, la proposta di valore, i canali di distribuzione, le relazioni con i clienti, le risorse chiave, le attività principali, i partner chiave e la struttura dei costi e delle entrate.

Questi elementi vengono spesso riassunti e visualizzati tramite lo strumento “Business Model Canvas”, che permette di delineare e comprendere facilmente il funzionamento di un’azienda .

In sintesi, il modello di business in italiano si riferisce alla struttura e alla strategia che un’azienda adotta per generare reddito e creare valore per i suoi clienti e i suoi azionisti.

È un concetto fondamentale per comprendere come un’azienda funziona e per pianificare il suo sviluppo e la sua crescita nel tempo.

UN ESEMPIO DEI PRINCIPALI MODELLI DI BUSINESS ESISTENTI

Esistono numerosi modelli di business che un’impresa può adottare, a seconda delle proprie esigenze e del mercato in cui opera.

Di seguito elenco alcuni dei principali modelli di business:

Vendita di prodotti

Questo è il modello di business più tradizionale, in cui un’azienda produce e vende beni fisici ai clienti.

Esempi di questo modello includono aziende manifatturiere, rivenditori e negozi al dettaglio.

Vendita di servizi

In questo modello, un’azienda fornisce servizi ai clienti piuttosto che prodotti fisici.

Esempi includono consulenza, servizi legali, servizi di pulizia e manutenzione.

 Abbonamento

Un’azienda che adotta questo modello di business offre ai clienti l’accesso a prodotti o servizi per un periodo di tempo fisso, di solito in cambio di un canone periodico.

Esempi includono servizi di streaming come Netflix, abbonamenti a riviste e palestre.

In questo modello, un’azienda offre una versione gratuita di base del suo prodotto o servizio, con funzionalità limitate, e una versione premium a pagamento con funzionalità aggiuntive.

Esempi di questo modello includono applicazioni software come Dropbox e Spotify.

Commissioni di intermediazione

Un’azienda che adotta questo modello guadagna mettendo in contatto acquirenti e venditori e facendo pagare una commissione per ogni transazione completata.

Esempi includono piattaforme di e-commerce come eBay e Amazon, e siti di prenotazione di viaggi come Booking.com.

Pubblicità

In questo modello, un’azienda guadagna mostrando annunci pubblicitari ai propri utenti.

Questo è comune nei media online, come siti web e applicazioni, e può essere combinato con altri modelli di business come il freemium. Esempi includono Google e Facebook.

Un’azienda che adotta questo modello guadagna concedendo in licenza l’uso di un prodotto o di una proprietà intellettuale a terzi, in cambio di royalty o di una tariffa fissa.

Esempi includono aziende di software, produttori di contenuti e detentori di brevetti.

Economia collaborativa o sharing economy

In questo modello, un’azienda facilita la condivisione di risorse tra utenti , solitamente tramite una piattaforma online.

Esempi includono Uber, Airbnb e TaskRabbit.

Franchising

Un’azienda che adotta questo modello concede in licenza il diritto di utilizzare il proprio marchio , i propri prodotti e i propri servizi a imprenditori terzi, in cambio di una tariffa e/o di una quota dei ricavi.

Esempi includono McDonald’s, Subway e 7-Eleven.

Questi sono solo alcuni dei principali modelli di business, ma esistono molte altre varianti e combinazioni possibili. L’importante è scegliere il modello che meglio si adatta alle esigenze e alle capacità dell’impresa e al mercato in cui opera.

QUALI SONO LE INTEGRAZIONI TRA IL BUSINESS MODEL ED IL BUSINESS PLAN?

Il business plan e il business model sono strettamente correlati e si integrano l’uno con l’altro. Entrambi sono essenziali per la pianificazione e la gestione di un’impresa di successo.

Ecco alcune delle principali integrazioni tra il business plan e il business model:

Definizione del modello di business

Nel business plan, è importante descrivere chiaramente il modello di business scelto, spiegando come l’azienda intende generare entrate e creare valore per i clienti. Questa descrizione aiuterà gli stakeholder a comprendere come l’impresa funzionerà e come raggiungerà i suoi obiettivi finanziari.

Analisi del mercato

Il business plan deve contenere un’analisi del mercato in cui l’impresa intende operare, tenendo conto del modello di business scelto. Questa analisi dovrebbe evidenziare le opportunità e le sfide che il modello di business potrebbe affrontare e come l’azienda intende affrontarle.

Strategia di marketing e vendite

La strategia di marketing e vendite nel business plan dovrebbe essere strettamente legata al modello di business . Ad esempio, se l’azienda adotta un modello di business basato sull’abbonamento, la strategia di marketing potrebbe concentrarsi su come acquisire e mantenere gli abbonati nel tempo.

Proiezioni finanziarie

Le proiezioni finanziarie nel business plan devono tenere conto del modello di business e delle sue implicazioni finanziarie. Ad esempio, se l’azienda utilizza un modello di business basato su commissioni, le proiezioni dovrebbero riflettere le entrate previste dalle commissioni e le spese associate.

Risorse e competenze necessarie

Il business plan deve identificare le risorse e le competenze necessarie per supportare il modello di business scelto. Questo può includere competenze specifiche del settore, tecnologie o infrastrutture, nonché le risorse finanziarie necessarie per avviare e gestire l’impresa.

Struttura organizzativa

La struttura organizzativa dell’azienda, descritta nel business plan, dovrebbe essere progettata per supportare il modello di business . Ad esempio, un’azienda con un modello di business basato sulla vendita di servizi potrebbe avere una struttura organizzativa focalizzata sulle competenze dei suoi consulenti o esperti.

In sintesi, il business plan e il business model devono essere strettamente integrati e allineati per garantire che l’impresa abbia una strategia coerente e realistica per raggiungere i suoi obiettivi e creare valore nel lungo termine.

Utilizzando i software di business plan specifici di Bsness.com, è possibile semplificare questo processo e assicurarsi che il business plan e il business model siano ben integrati.

QUALI SONO I VANTAGGI, UTILITÀ E BENEFICI DEI SOFTWARE PER IL BUSINESS PLAN DI BSNESS.COM IN FASE DI CREAZIONE, ANALISI E GESTIONE DEL PROPRIO MODELLO DI BUSINESS?

I software per il business plan di Bsness.com offrono numerosi vantaggi , utilità e benefici per le imprese in fase di creazione, analisi e gestione del proprio modello di business.

Ecco alcuni dei principali:

Strutturazione del modello di business

I software di Bsness.com guidano l’utente nella strutturazione del modello di business , aiutando a identificare e organizzare gli elementi chiave che lo compongono, come ad esempio i segmenti di clientela, i canali di distribuzione e le proposte di valore.

Business Model Canvas

includono il Business Model Canvas , uno strumento visuale che facilita la comprensione del modello di business e la sua rappresentazione.

Questo permette di avere una visione d’insieme del modello e di identificare rapidamente eventuali aree di miglioramento.

Analisi SWOT

consentono di effettuare un’analisi SWOT del modello di business, valutandone i punti di forza, debolezza, opportunità e minacce. Questa analisi è fondamentale per comprendere il contesto in cui opera l’impresa e per elaborare strategie efficaci.

Piano di marketing e strategia

aiutano a sviluppare un piano di marketing e una strategia coerenti con il modello di business, facilitando l’identificazione degli obiettivi e delle azioni necessarie per raggiungerli.

Previsioni finanziarie

permettono di realizzare previsioni finanziarie dettagliate e accurate, tenendo conto del modello di business e delle sue implicazioni finanziarie. Questo aspetto è cruciale per dimostrare la sostenibilità finanziaria del modello di business agli stakeholder, come ad esempio investitori e istituti di credito.

Facilità d’uso e personalizzazione

sono progettati per essere intuitivi e facili da usare , permettendo anche a chi non è esperto di business plan o di modelli di business di creare un documento completo e professionale con facilità. Inoltre, offrono la possibilità di personalizzare il business plan in base alle specifiche esigenze dell’impresa e al modello di business scelto.

Supporto e aggiornamenti

I software business plan di Bsness.com offrono supporto e aggiornamenti continui, assicurando che gli utenti abbiano accesso alle ultime novità e alle migliori pratiche del settore.

In conclusione, i software per il business plan di Bsness.com offrono numerosi vantaggi per le imprese che si trovano nella fase di creazione, analisi e gestione del proprio modello di business, facilitando la definizione di strategie efficaci e la realizzazione di piani finanziari solidi.

Facebook

Articolo terminato di scrivere il 24/04/2023

dott stefano ventura bsness

STEFANO VENTURA – Linkedin

Stefano Ventura è il fondatore di Bsness.com, software house operante in Italia e Spagna. Si è laureato in economia e commercio presso l’ Università di Bologna dove ha anche conseguito il titolo di Dottore Commercialista . Ha esercitato con successo la professione di Dottore Commercialista come esperto in budget e business plan per poi dedicarsi a tempo pieno alla crescita di Bsness.com.

Invia commento Annulla risposta

Devi essere connesso per inviare un commento.

Cerca il software business plan specifico per la tua attività , con un esempio completo realizzato da esperti del settore .

software business plan startup

  • Agevolazioni Invitalia
  • Aprire un'impresa
  • Business model canvas
  • Business plan
  • Casa di riposo
  • Come aprire una nuova attività
  • Come fare un business plan
  • Esempio business plan
  • Executive summary
  • Finanziamenti
  • Gestione aziendale
  • Indici di bilancio
  • Linee guida EBA
  • Matrice Raci
  • Quanto costa aprire …
  • Quanto guadagna un'impresa
  • Resto al sud
  • Senza categoria

Ultimi Articoli

  • Quanti soldi ci vogliono per aprire una rosticceria?
  • Quanto guadagna un’impresa di pulizie: costi e redditività
  • Quanto guadagna un call center – costi, ricavi e redditività
  • Quanto guadagna un compro oro: margini e fatturato
  • Quanto guadagna un fioraio: costi, ricavi e redditività
  • Quanto guadagna un fornaio: redditività, fatturato e costi
  • Quanto guadagna un gommista: fatturato e redditività
  • Quanto guadagna una discoteca: redditività e fatturato

Commenti recenti

  • Anonimo su Software business plan impresa immobiliare
  • Andrea Marra su Software business plan tabaccheria
  • Luigi V. su Software business plan meccanico
  • gustavo su Software business plan cantina vinicola
  • Andrea Conte su Software business plan gelateria

Agenzia viaggi Analisi swot Aprire un'attività commerciale aprire una libreria Aprire un b&b Aprire un negozio Aprire un negozio online Aprire un ristorante Aprire un ristorante senza esperienza Bar Bilancio riclassificato Business model canvas Business plan b&b Casa di riposo cash flow Centro estetico Come aprire un bar Come fare un business plan Conto economico riclassificato Costi fissi Costi variabili Criterio finanziario distributore automatico Dscr e-commerce EBITDA Errori busines plan parrucchiere Esempio business plan Executive summary Finanziamenti Finanziamenti casa di riposo glamping Guida turistica Imprenditoria femminile Indici di redditività invitalia Linee guida EBA 2021 Marketing Matrice Raci Organigramma Parrucchiere Piccola azienda agricola Pizzeria Quanto costa aprire quanto costa aprire una palestra Quanto costa aprire un bar Quanto guadagna Quanto guadagna un fisioterapista Quanto guadagna un hotel Quanto guadagna uno psicologo rendiconto finanziario Requisiti b&b requisiti casa di riposo resto al sud Riclassificazione stato patrimoniale Ristorante ROE ROI selfiemployment Software business plan Stabilimento balneare start up innovative template business plan

Ora disponibili i moduli per i bandi Invitalia e il software DSCR per il calcolo degli indici di bancabilità! Ignora

fbpx

Italy Logo

Come scrivere un Business Case (BC)?

business plan e business case differenza

Cos’è il Business Case? Definizione

Il Business Case rappresenta la giustificazione di progetto e comprende costi, rischi e tempistiche che servono a verificare la fattibilità continua del progetto stesso. Il Business Case offre un insieme di informazioni utili per determinare se un progetto sia (e continui ad essere) auspicabile, fattibile e realizzabile.

A cosa serve il Business Case?

Molto spesso durante un progetto ci si concentra sul cosa si sta facendo e come, tralasciando il perché. Il Business Case è un elemento essenziale perché definisce il perché valga la pena di eseguire il lavoro. IL BC serve a documentare la giustificazione per l’esecuzione di un progetto in base ai costi stimati rispetto ai benefici previsti, prendendo in considerazione eventuali rischi correlati.

In PRINCE2 il business case è un test fondamentale per la fattibilità del progetto; risponde alla domanda “ L’investimento è ancora valido? ” Il business case non è statico: deve essere mantenuto per tutta la durata del progetto ed aggiornato costantemente con le informazioni su costi, rischi e benefici non appena si rendono disponibili. In PRINCE2 il BC preliminare viene sviluppato all’inizio del progetto e mantenuto per tutta la durata di quest’ultimo. Viene sottoposto ad una verifica formale da parte del Comitato di Progetto in corrispondenza di ciascun momento decisionale chiave e confermato durante tutto il periodo in cui si accumulano i benefici.

PRINCE2_development path Business Case

Composizione del Business Case

Il business case deve descrivere i motivi per cui si intraprende il progetto. Deve comprendere i seguenti elementi:

  • Riepilogo Esecutivo : evidenzia i punti chiave del business case, che deve comprendere i benefici e il ROI (utile sul capitale investito).
  • Motivi : spiega i motivi per cui è necessario intraprendere il progetto e in che modo quest’ultimo consentirà di realizzare le strategie e gli obiettivi aziendali.
  • Opzioni per l’azienda : analisi delle possibili opzioni di base: non prendere alcuna iniziativa, fare il minimo o fare qualcosa.
  • Benefici previsti : i benefici che il progetto conseguirà, espressi in termini misurabili. Con benefici si fa riferimento sia ai benefici qualitativi che quantitativi, che devono essere in linea con i benefici aziendali. È importante stabilire lo stato attuale di ciascun beneficio in termini quantificabili (per poter poi valutare i progressi dopo il completamento del progetto) e stabilire le modalità e i tempi di misurazione dei miglioramenti.
  • Controbenefici previsti : i risultati finali percepiti come negativi da una o più parti interessate. Sono le effettive conseguenze cui va incontro un’attività – devono essere valutati e incorporati nella valutazione dell’investimento. La differenza con il rischio è che quest’ultimo ha un livello di incertezza rispetto alla possibilità che si verifichi, il controbeneficio no.
  • Tempistica : tempi di esecuzione del progetto e periodo in cui saranno realizzati i benefici.
  • Costi : sommario dei costi, dei costi operativi correnti e dei costi di manutenzione del progetto e dei rispettivi piani di finanziamento.
  • Valutazione dell’investimento : confronta il complesso dei benefici e dei controbenefici con i costi del progetto e i costi incrementali di funzionamento e manutenzione in corso.
  • Rischi principali : valutazione e sintesi di tutti i principali rischi correlati al progetto, il loro probabile impatto e dei piani nel caso si concretizzino.

PRINCE2_Refine the Business Case

Dove posso trovare i dati/le fonti per elaborare il Business Case?

In ambito PRINCE2 è l’executive ad avere la responsabilità del business case. Questo non significa che è l’executive a redigerlo ma che a lui/lei spetta la responsabilità di assicurare la creazione e approvazione del business case.

In PRINCE2 il BC preliminare deriva dal mandato di progetto e viene sviluppato in fase pre-progettuale per avere l’approvazione del Comitato di Progetto. Il BC dettagliato deriva dal BC preliminare, dal Piano di progetto e dal Registro dei rischi.

Il business case riprende elementi da:

  • Mandato di progetto e Project Brief – riguardo i motivi per cui intraprendere il progetto
  • Piano di progetto – riguardo a costi e tempistiche
  • Analisi dei benefici previsti – da parte dell’utente/utenti senior
  • Analisi della convenienza economica – da parte dell’executive
  • Registro dei rischi (insieme delle informazioni relative ai rischi individuati, compresi il loro stato e storia)
  • Registro delle questioni (insieme delle informazioni relative a tutte le questioni gestite in maniera ufficiale

Come fare il Business Case? Quale formato è migliore?

Il Business Case può essere preparato in diversi formati, tra cui:

  • Documento, foglio elettronico o diapositive di presentazione
  • Inserimento in uno strumento di gestione del progetto

Il business case è alla base di tutti i processi decisionali ed assicura che il progetto mantenga la sua giustificazione, assicura che si possano soddisfare le esigenze aziendali e realizzare i benefici attesi.

Business Case template

Scarica gratuitamente la tua copia del template personalizzabile Business Case PRINCE2 di QRP International!

Per approfondire leggi anche:

  • Come scrivere un project status report
  • Come scrivere la Documentazione dell’inizio del progetto (DIP)?
  • Cos’è un contingency plan e come scriverlo?
  • Perché le lesson learned sono importanti per il successo del tuo progetto

Se vuoi scoprire come gestire al meglio un progetto e approfondire PRINCE2 , il metodo di project management più usato al mondo, scopri le date del nostro corso PRINCE2 Foundation o scrivici per tutte le informazioni .

PRINCE2® is a registered trade mark of AXELOS Limited, used under permission of AXELOS Limited. All rights reserved.

Condividi l'articolo, scegli la piattaforma!

Successivo Torna agli articoli Precedente

  • Glossario Best Practices (72)
  • Risorse umane (11)
  • Consigli ed interviste (83)
  • Change Management (12)
  • IT Governance & Service Management (42)
  • Project Management (47)
  • Programme Management (6)
  • Portfolio Management (3)
  • design thinking (2)
  • AgilePM (25)
  • Change Management (9)
  • DevOps (25)
  • PRINCE2 (46)

Articoli più letti

  • Project Manager: chi è e cosa fa 07/05/2019 | Glossario Best Practices
  • PMO: cos’è? Definizione e caratteristiche 26/03/2021 | Glossario Best Practices
  • Service Manager: chi è e cosa fa 24/09/2019 | Glossario Best Practices
  • Blueprint: cos’è e perché è importante per realizzare un programma di successo 20/10/2020 | Programme Management
  • Waterfall vs Agile 23/08/2022 | Agile

Iscriviti alla newsletter di QRP International per ricevere in anteprima news, contenuti utili e inviti ai nostri prossimi eventi.

QRP International userà le informazioni che scriverai nel form per restare in contatto con te. Vorremmo continuare ad aggiornarti con le nostre ultime news e con contenuti esclusivi pensati per supportarti nel tuo ruolo.

Puoi cambiare idea in qualsiasi momento cliccando il link "unsubscribe" dal footer di una delle email che riceverai da noi o scrivendoci a [email protected]. Tratteremo le tue informazioni con rispetto. Per maggiori informazioni sulle nostre privacy policy puoi visitare il nostro sito web. Cliccando in basso, accetti che potremo utilizzare le tue informazioni in conformità con questi Termini & Condizioni.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.

La redazione di Forbes Advisor è indipendente e obiettiva. Per sostenere il nostro impegno e per continuare a fornire contenuti gratuiti ai nostri lettori, riceviamo un compenso dalle aziende che pubblicizzano i loro prodotti e servizi sul nostro sito. Nello specifico, Forbes Advisor è finanziato mediante due principali modalità.

In primo luogo, mettiamo a disposizione degli inserzionisti spazi pubblicitari in cui presentare le proprie offerte. I compensi che percepiamo a fronte delle inserzioni influiscono sul formato e sulla collocazione all’interno del nostro sito delle offerte in questione. I contenuti che pubblichiamo non interessano la totalità delle aziende o dei prodotti disponibili sul mercato.

In secondo luogo, alcuni dei nostri articoli contengono link a offerte di inserzionisti. Se cliccati, questi “link di affiliazione” possono produrre entrate a favore del sito. I compensi che percepiamo da parte degli inserzionisti, tuttavia, non influenzano il parere o i consigli espressi dalla nostra redazione, né incidono in alcun modo sui contenuti editoriali di Forbes Advisor.

Nonostante l'impegno quotidiano nell'offerta di contenuti dettagliati, aggiornati e in linea con le aspettative dei propri lettori, Forbes Advisor non può garantire la completezza delle informazioni riportate nei propri articoli e declina ogni responsabilità in merito all'accuratezza o alla validità di tali informazioni.

Come creare un business plan: esempio pratico (2024)

Pubblicato: 21/09/2023, 11:18 am

Revisione di

Perché creare un business plan?

Business plan: esempio in 6 punti, 1. mission o vision, 2. offerta e proposta di valore, 3. pubblico di riferimento e potenziali clienti, 4. flussi di ricavi, canali di vendita e di marketing, 5. organizzazione, fornitori e gestione delle attività, per concludere.

Un business plan è un documento utilizzato per definire obiettivi e strategie che consentano a un’attività di raggiungere il successo. Nell’articolo che segue forniremo un semplice esempio di business plan, che copre le indicazioni essenziali per l’avvio di una piccola impresa o di un’attività in proprio: se hai intenzione di dare vita a un progetto imprenditoriale, questo esempio può rappresentare un punto di partenza per sviluppare una pianificazione più completa.

La creazione del business plan è un processo essenziale per comprendere meglio costi, incarichi, opportunità di guadagno e quali modelli di business siano più remunerativi. Non sono solo gli imprenditori alle prime armi a dover sviluppare un business plan: si tratta di un’operazione preziosa per chiunque gestisca un’attività. Un business plan può essere strutturato secondo diversi gradi di complessità, dai più basilari ai piani più dettagliati, comprensivi di ricerche di mercato, costi e previsioni sui ricavi. Che tu sia un imprenditore in proprio o abbia lanciato una startup in cerca di finanziamenti, creare un business plan ben strutturato è un passo fondamentale per avviare un’impresa .

Un business plan completo dovrebbe comprendere sei elementi chiave, illustrati in questo esempio. Il livello di approfondimento richiesto dipende principalmente dalla scelta di avviare una piccola impresa o di ricorrere a un finanziamento da parte di un investitore. Le imprese finanziate da investitori, infatti, richiedono ricerche di mercato più approfondite e dettagli operativi e finanziari a sostegno del progetto.

Inizia il tuo business plan con un resoconto conciso che racchiuda la tua idea. Questa sezione deve rispondere in modo sintetico a cinque domande fondamentali. Le risposte saranno approfondite nelle sezioni successive del nostro esempio di business plan.

  • Di cosa si occupa la tua azienda? Vendi prodotti, servizi, informazioni o un insieme di queste cose?
  • Dove si svolge l’attività? La tua attività si svolge online, in negozio, tramite dispositivi mobili o in un luogo o ambiente specifico?
  • A chi si rivolge la tua attività? Qual è il mercato di riferimento della tua azienda e che caratteristiche ha il tuo cliente ideale?
  • Perché i potenziali clienti dovrebbero considerarla? Cosa dovrebbe spingere i tuoi clienti ideali a notare la tua attività?
  • In che modo i tuoi prodotti e/o servizi si distinguono da quelli della concorrenza? Cosa dovrebbe spingere i tuoi clienti ideali a scegliere la tua attività rispetto a quella di un concorrente?

Se hai difficoltà a fornire risposte a queste domande nella sintesi del tuo business plan, non preoccuparti. Man mano che lavorerai al piano, è molto probabile che scoprirai possibili risposte a queste domande, identificando nuove opportunità per la tua idea di business.

In questa sezione del business plan, dovrai illustrare la tua offerta commerciale. È inoltre il momento di definire la tua proposta di valore, spiegando perché la tua attività potrebbe risultare preziosa per dei potenziali clienti.

Lavorando a questa parte, potresti scoprire nuove opportunità di mercato che inizialmente non avevi considerato. Per esempio, una startup specializzata in prodotti senza glutine e chetogenici potrebbe ampliare la propria proposta di valore preparando dolci personalizzati per occasioni speciali adatti a diverse preferenze alimentari.

In questa sezione identificherai il tuo pubblico di riferimento, parlando dei problemi e delle esigenze specifiche a cui il tuo prodotto o servizio può fornire risposte. Questa fase è fondamentale per sviluppare una strategia di marketing e un’offerta di prodotti.

Per farlo in modo efficace, individua un problema che il tuo target si trova ad affrontare. Per esempio, la startup specializzata in cibi senza glutine e chetogenici può rivolgersi a persone attente alla salute e alla ricerca di questi prodotti. Tuttavia, è essenziale accertarsi di rivolgersi a una base di clienti sufficientemente ampia da poter sostenere l’attività, il che potrebbe significare che dovrai offrire una varietà di prodotti da forno tradizionali insieme quelli più particolari.

La nostra economia è trainata dalle tecnologie informatiche e grazie a internet oggi le startup possono contare su molte opportunità di guadagno e raggiungere un pubblico di riferimento sempre più variegato. In questo contesto, i flussi di ricavi e i canali di vendita divengono anche strumenti di marketing: la presente sezione è dedicata a tutti questi aspetti.

Flussi di ricavi

I flussi di ricavi corrispondono ai molti modi in cui è possibile generare guadagni con la propria attività. Nel tuo business plan, elenca le fonti di entrate al momento del lancio e indica eventuali idee che consentano di ampliare l’attività in futuro.

Ad esempio, il business plan della startup specializzata in prodotti gluten free potrebbe contemplare i seguenti flussi di ricavi:

  • Vendita di prodotti: online, in negozi pop-up, all’ingrosso e (in futuro) in negozio
  • Ricavi derivanti da campagne di affiliazione: monetizzazione dei post contenenti link di affiliazione pubblicati all’interno di un blog e/o sui profili social
  • Entrate derivanti dalle inserzioni pubblicitarie: annunci pubblicitari sul sito web
  • Vendite di ebook: (in futuro) pubblicazione di ebook di ricette di dessert senza glutine e compatibili con la dieta chetogenica
  • Ricavi ottenuti grazie ai video: (in futuro) monetizzazione di un canale YouTube con video informativi sulla realizzazione di dessert senza glutine e chetogenici
  • Webinar e corsi online: (in futuro) monetizzazione di webinar orientati al coaching e corsi online dedicati a consigli e tecniche di cottura
  • Contenuti riservati ai soci: (in futuro) monetizzazione di una sezione del sito web riservata ai soci e dedicata a contenuti speciali a integrazione dei webinar e dei corsi online
  • Franchising: (in futuro) vendere l’idea di aprire forni specializzati nella realizzazione di questi prodotti di nicchia a imprenditori di franchising.

Canali di vendita

I canali di vendita consentono di generare flussi di ricavi. Questa sezione risponde anche alla domanda “dove si svolge l’attività?” contenuta nel secondo punto della vision del progetto.

Ad esempio, nel business plan della startup specializzata in prodotti senza glutine potrebbero essere indicati i seguenti canali di vendita:

  • POS: un sistema di vendita per dispositivi mobili come Shopify o Square POS per la gestione delle vendite in mobilità in contesti quali mercati, eventi e fiere
  • Piattaforma ecommerce: un negozio online come Shopify , Square o WooCommerce per le vendite al dettaglio online e gli ordini di vendita all’ingrosso
  • Canali social: post e pin con pulsanti per l’acquisto su Facebook , Instagram o Pinterest, che consentano di vendere online attraverso i propri profili
  • Negozio: una sede fisica, quando l’attività sarà cresciuta al punto di consentirti di gestire un negozio.

Di seguito elenchiamo ulteriori canali che possono fungere da fonti di reddito:

  • Ricavi derivanti da campagne di affiliazione: sezione blog sul sito di ecommerce e partner affiliati
  • Entrate derivanti dalle inserzioni pubblicitarie: annunci pubblicitari sul sito di ecommerce
  • Vendite di ebook: vendite di ebook su Amazon tramite Kindle Direct Publishing
  • Ricavi ottenuti grazie ai video: canale YouTube con monetizzazione degli annunci pubblicitari
  • Webinar e corsi online: piattaforme dedicate a corsi online e webinar che consentano di gestire la creazione di account per gli iscritti e il caricamento e la riproduzione di contenuti registrati
  • Contenuti riservati ai soci: contenuti protetti da password tramite applicazioni per la creazione di community di utenti iscritti come MemberPress.

Canali di marketing

Spesso i canali di marketing e di vendita utilizzati dalle imprese presentano forti sovrapposizioni. I video e le piattaforme online come i social media, i siti web o i blog fungono sia da strumenti di marketing che da fonti di ricavi, risultando particolarmente utili per le startup e le imprese di piccole dimensioni.

Ad ogni modo, i canali pubblicitari tradizionali come la radio, la TV, le comunicazioni dirette per posta e la carta stampata hanno mantenuto il proprio valore per molte attività e, pertanto, devono essere presi in considerazione al momento della creazione di un piano di marketing e di un budget all’interno di un business plan.

In questa sezione del nostro esempio di business plan spieghiamo come indicare la struttura, le modalità di gestione dell’azienda ed eventuali certificazioni o permessi necessari per l’avvio dell’impresa.

La startup specializzata in prodotti senza glutine potrebbe elencare alcuni punti simili ai seguenti:

  • Struttura aziendale: definizione dell’organizzazione dell’attività
  • Permessi e certificazioni: licenza per il trattamento degli alimenti e per la produzione alimentare artigianale. In alternativa, affitto di una cucina commerciale in possesso dei requisiti necessari
  • Ruoli e responsabilità: imprenditore in proprio, tutti i ruoli e le responsabilità sono in capo al titolare
  • Attività quotidiane: procurarsi gli ingredienti e cucinare tre giorni a settimana per rispondere agli ordini. Riservare del tempo agli eventi di settore, ai mercati e agli ordini dei partner all’ingrosso, se necessario. Spedire a giorni alterni gli ordini effettuati online. Aggiornare il sito web e creare post social, sul blog e contenenti link di affiliazione nei giorni in cui non vengono effettuate le spedizioni.

L’ultimo passaggio nella stesura del business plan consiste nell’elencare i costi previsti per l’avvio e la gestione dell’attività, oltre che i ricavi attesi. Grazie a strumenti gratuiti come Square e alle opportunità di marketing offerte dai social media, è possibile lanciare una startup a costi molto contenuti.

In molti casi, il costo della merce, della spedizione e dell’imballaggio, delle autorizzazioni e licenze, e della stampa dei biglietti da visita sono le uniche spese da sostenere.

Sviluppare al meglio il business plan della propria attività è un passaggio fondamentale per chi si appresta a lanciare un’impresa, ma è altrettanto importante che la fase di pianificazione non si trasformi in un ostacolo per l’avvio dell’attività.

Tieni presente, inoltre, che un business plan non è mai un documento destinato ad assumere valore definitivo. I mercati, il pubblico e le tecnologie sono in costante evoluzione, così come gli obiettivi aziendali e le strategie sviluppate per raggiungerli. Considera il tuo business plan, quindi, come un documento dinamico, soggetto a revisioni periodiche, da ampliare e modificare in risposta alle opportunità di mercato e alla crescita della tua attività.

  • Migliori website builder
  • Website builder gratuiti
  • Creare un ecommerce
  • Squarespace
  • Shopify vs GoDaddy
  • Shopify vs Wix
  • Shopify vs Squarespace
  • Wix vs GoDaddy
  • Wix vs Squarespace
  • WordPress vs Squarespace
  • Squarespace vs GoDaddy
  • Miglior hosting economico
  • Miglior hosting WordPress
  • Ionos Hosting
  • Miglior VPN
  • Miglior VPN mobile
  • Miglior VPN Android
  • Miglior VPN iPhone
  • Migliori VPN per Google BARD
  • Migliori VPN ChatGTP
  • VPN a confronto
  • Private Internet Access
  • Surfshark VPN
  • NordVPN vs CyberGhost
  • Proxy vs VPN
  • Migliori servizi VoIP
  • VoIP cos'è
  • Miglior conto aziendale online
  • Hype Business
  • Reibanq Business
  • B-ilty Conto Business Illimity
  • Migliore carta aziendale
  • Revolut Business
  • Conto multivaluta
  • Miglior POS
  • Axerve POS Easy
  • Buy Now Pay Later (BNPL)
  • Satispay Business
  • Password manager gratis
  • Antivirus gratis
  • Miglior software buste paga
  • Google Bard
  • Trend e statistiche AI

Leggi altri articoli di  

Stipendio medio italia 2024: trend e statistiche, fringe benefit 2024: cosa sono, come funzionano e come richiederli, digital marketing: cos’è e cosa fa uno specialista del settore, lavoro da casa: 18 idee per il 2024, dropshipping: cos’è e come funziona, 20 idee di prodotti da vendere online nel 2024.

Krista Fabregas è una professionista esperta nell'ambito dell'ecommerce e della redazione di contenuti online. Vanta oltre vent'anni di esperienza pratica, che mette al servizio di chi desidera lanciare e far crescere società di successo nel settore tecnologico. Tra le sue competenze rientrano l'avvio e lo sviluppo di attività di ecommerce, operazioni e logistica per le PMI, piattaforme per la creazione di siti web, sistemi di pagamento, marketing multicanale e redditi da attività collaterali e programmi di affiliazione. Krista ha conseguito la laurea in Lettere presso la University of Texas di Austin e ha ricoperto posizioni apicali presso la NASA, un'azienda Fortune 100 e diverse startup digitali.

business plan e business case differenza

Finished Papers

Rebecca Geach

(415) 520-5258

Can I hire someone to write essay?

Student life is associated with great stress and nervous breakdowns, so young guys and girls urgently need outside help. There are sites that take all the responsibility for themselves. You can turn to such companies for help and they will do all the work while clients relax and enjoy a carefree life.

Take the choice of such sites very seriously, because now you can meet scammers and low-skilled workers.

On our website, polite managers will advise you on all the details of cooperation and sign an agreement so that you are confident in the agency. In this case, the user is the boss who hires the employee to delegate responsibilities and devote themselves to more important tasks. You can correct the work of the writer at all stages, observe that all special wishes are implemented and give advice. You pay for the work only if you liked the essay and passed the plagiarism check.

We will be happy to help you complete a task of any complexity and volume, we will listen to special requirements and make sure that you will be the best student in your group.

Andre Cardoso

icon

Please fill the form correctly

Gain recognition with the help of my essay writer

Generally, our writers, who will write my essay for me, have the responsibility to show their determination in writing the essay for you, but there is more they can do. They can ease your admission process for higher education and write various personal statements, cover letters, admission write-up, and many more. Brilliant drafts for your business studies course, ranging from market analysis to business proposal, can also be done by them. Be it any kind of a draft- the experts have the potential to dig in deep before writing. Doing ‘my draft’ with the utmost efficiency is what matters to us the most.

business plan e business case differenza

Emilie Nilsson

Frequently Asked Questions

How do essay writing services work.

In the modern world, any company is trying to modernize its services. And services for writing scientific papers are no exception. Therefore, now it is very easy to order work and does not take time:

  • First, you need to choose a good site that you can trust. Read their privacy policies, guarantees, payment methods and of course reviews. It will be a big plus that examples of work are presented on the online platform.
  • Next, you need to contact a manager who will answer all the necessary questions and advise on the terms of cooperation. He will tell you about the acceptable writing deadlines, provide information about the author, and calculate the price of the essay.
  • After that, you sign the contract and during the indicated days stay in touch with the employee of the company.
  • Then you receive the file, read it attentively and transfer a certain amount to the company's bank card. After payment, the client downloads the document to his computer and can write a review and suggestions.

On the site Essayswriting, you get guarantees, thanks to which you will be confident and get rid of the excitement. The client can ask any questions about the writing and express special preferences.

From a high school essay to university term paper or even a PHD thesis

business plan e business case differenza

Customer Reviews

Finished Papers

Leave a Reply Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Save my name, email, and website in this browser for the next time I comment.

  • Our Services
  • Additional Services
  • Free Essays

Perfect Essay

Emery Evans

  • Words to pages
  • Pages to words
  • Individual approach
  • Fraud protection

icon

Emilie Nilsson

Rebecca Geach

The writers of PenMyPaper establish the importance of reflective writing by explaining its pros and cons precisely to the readers. They tend to ‘do my essay’ by adding value to both you (enhancing your knowledge) and your paper.

Emilie Nilsson

business plan e business case differenza

Customer Reviews

business plan e business case differenza

Adam Dobrinich

business plan e business case differenza

Who are your essay writers?

Customer Reviews

business plan e business case differenza

business plan e business case differenza

Our writers always follow the customers' requirements very carefully

business plan e business case differenza

  • Our Services
  • Additional Services
  • Free Essays

Customer Reviews

We select our writers from various domains of academics and constantly focus on enhancing their skills for our writing essay services. All of them have had expertise in this academic world for more than 5 years now and hold significantly higher degrees of education. Once the writers get your topic in hand, only after thorough research on the topic, they move towards the direction to write it. They take up information from credible sources and assure you that no plagiarism could be found in your writing from our writing service website.

Who can help me write my essay?

At the end of the school year, students have no energy left to complete difficult homework assignments. In addition, inspiration is also lacking, so there are only a few options:

  • do not write a scientific work;
  • write it badly;
  • delegate these responsibilities to other people.

Most often, people choose the latter option, which is why companies have appeared on the Internet offering to take full responsibility.

When you visit the site, the managers clarify all the details in order to correctly design the article. They select a person who is well versed in the topic of the report and give him your task.

You will not be able to personally communicate with the writer who will do your work. This is done to ensure that all your personal data is confidential. The client, of course, can make edits, follow the writing of each section and take part in the correction, but it is impossible to communicate with the team.

Do not worry that you will not meet personally with the site team, because throughout the entire cooperation our managers will keep in touch with each client.

Finished Papers

IMAGES

  1. Business Case: Definition, Example, and Template

    business plan e business case differenza

  2. Business Plan vs Business Case: What is the Difference

    business plan e business case differenza

  3. Che differenza c'è tra BUSINESS PLAN e BUSINESS MODEL

    business plan e business case differenza

  4. Business plan e strategia d'impresa

    business plan e business case differenza

  5. The Difference between a Business Case and a Business Plan

    business plan e business case differenza

  6. How to Write a Business Case: Tips, Resources and Examples

    business plan e business case differenza

VIDEO

  1. Fare un Business Plan #1: il Business Model Canvas [ Modello scaricabile gratuitamente ]

  2. Dear Founder

  3. Qu'est -Ce Qu'Un Business Plan ?

  4. Il Business Plan e le simulazioni di impatto

  5. E Biotorium Business Plan in Hindi

  6. E Rickshaw business plan #short #shorts #business #businessideas #erickshawbusiness

COMMENTS

  1. Business plan vs business case: what's the difference?

    The business plan is based on a series of hypothesis, action plans, and a long-term calendar. Contrastingly, a business case is concrete - mainly because it's aimed at creating a short-term gain for the business with a well defined return on investment. To sum-up: a business plan is a strategic document, whereas a business plan is a tactical ...

  2. Business Plan vs Business Case

    John Spacey, updated on March 04, 2017. A business plan is a proposal for a new business or major change to an existing business. A business case is a proposal for a strategy or project. A business plan is typically targeted to investors. It may include a pitch, financial plan, business model, cost estimates, market analysis, competitive ...

  3. Business Plan vs Business Case: What is the Difference

    However, there is a key difference between these two types of documents: a business case focuses on strategy while a business plan focuses on investment and viability. A business plan is a high-level overview of the entire company. It includes the company's mission statement, an analysis of the competitive landscape, market research, target ...

  4. Difference business model, business plan, business case

    The business model forms the foundation and encompasses the core idea of a business, while the business plan serves as a detailed roadmap for the implementation of the vision. The business case, on the other hand, analyses specific projects or investments within the company to ensure that they are in line with the overall objectives.

  5. The Difference between a Business Case and a Business Plan

    A business case cannot be viewed as a business plan for a product. The reason is that the two documents differ by at least two primary dimensions: type of opportunity (market vs. business ...

  6. Che differenza c'è tra BUSINESS PLAN e BUSINESS MODEL

    Differenza tra business plan e business model. Il business model è il meccanismo attraverso il quale l'azienda genera valore, mentre il business plan è un documento che presenta la strategia della società e le performance economico-finanziarie previste per gli anni a venire. Come si può vedere, il business model è al centro del piano ...

  7. Che differenza c'è tra business model e business plan?

    La differenza fra business plan e business model è quindi innanzitutto nella loro "natura". Il business plan è un documento, mentre il business model è un sistema. Guardando però un po' più in profondità, si nota che la prima parte del business plan è, sostanzialmente, la descrizione del business model.

  8. Differenze e relazioni tra business model e business plan

    LA DIFFERENZA TRA IL BUSINESS MODEL ED IL BUSINESS PLAN. Il business plan. è un documento formale che descrive in dettaglio l'idea imprenditoriale, gli obiettivi, le strategie, il mercato, la struttura organizzativa, le operazioni e le proiezioni finanziarie di un'impresa.. Esso serve come strumento di pianificazione e comunicazione per presentare un'azienda a potenziali investitori ...

  9. The Difference Between a Business Case and a Business Plan

    The Business Case. A Business Case is an examination of a potential market opportunity at the product level.. The Market Opportunity is defined as a "lucrative, lasting, and sizable market ...

  10. A Business Case is Different to the Strategic Business Plan

    Aligning the business case to the business plan is an essential step in ensuring that the proposed business opportunity or project supports the overall goals and objectives of the organization. When put together, business plans and business cases sync up - showing what needs to be done and why it matters - so opportunities get decision-makers ...

  11. Come Scrivere un Business Case

    Composizione del Business Case. Il business case deve descrivere i motivi per cui si intraprende il progetto. Deve comprendere i seguenti elementi: Riepilogo Esecutivo: evidenzia i punti chiave del business case, che deve comprendere i benefici e il ROI (utile sul capitale investito). Motivi: spiega i motivi per cui è necessario intraprendere ...

  12. Come creare un business plan: esempio pratico (2024)

    Scopri come fare un business plan: esempio e guida passo dopo passo. Come creare un business plan: esempio pratico (2024) Select Region. ... Lavoro da casa: 18 idee per il 2024.

  13. Differenza Tra Business Plan E Business Case

    Differenza Tra Business Plan E Business Case - ID 28506. User ID: 109262. THESIS. 652 . Finished Papers. User ID: 781785 / Apr 6, 2022. 599 Orders prepared. Differenza Tra Business Plan E Business Case: Login to your PenMyPaper account. Toggle navigation. REVIEWS HIRE. Harry. 4629 Orders ...

  14. Differenza Business Case E Business Plan

    Differenza Business Case E Business Plan - Level: College, University, High School, Master's. 1098 Orders prepared. Support Live Chat. Hire a Writer. Show Less. 4.8/5. Differenza Business Case E Business Plan: Deadline: What We Guarantee. No Plagiarism; On Time Delevery;

  15. Differenza Business Case E Business Plan

    2. 100% Success rate. User ID: 109254. We select our writers from various domains of academics and constantly focus on enhancing their skills for our writing essay services. All of them have had expertise in this academic world for more than 5 years now and hold significantly higher degrees of education. Once the writers get your topic in hand ...

  16. Differenza Business Case E Business Plan

    Differenza Business Case E Business Plan, Other Word For Experience On Resume, Daft Punk Homework 1997 Debt Int Torrents Omsk Ru, Mla Style Format For Essay Outline, Order Cheap Course Work, Page Settings For Printing The Essay College Board, Best Masters Dissertation Methodology Ideas

  17. Differenza Tra Business Plan E Business Case

    Differenza Tra Business Plan E Business Case - If you can't write your essay, then the best solution is to hire an essay helper. Since you need a 100% original paper to hand in without a hitch, then a copy-pasted stuff from the internet won't cut it. To get a top score and avoid trouble, it's necessary to submit a fully authentic essay.

  18. Business Case E Business Plan Differenze

    Business Case E Business Plan Differenze. 132. Customer Reviews. Check your email for notifications. Once your essay is complete, double-check it to see if it falls under your expectations and if satisfied-release the funds to your writer. Keep in mind that our essay writing service has a free revisions policy. Completed orders: 156.

  19. Differenza Tra Business Plan E Business Case

    Differenza Tra Business Plan E Business Case - 24/7 Customer support. Support team is ready to answer any questions at any time of day and night. ... You can easily ask us for free revisions, in case you want to add up some information. The assurance that we provide you is genuine and thus get your original draft done competently.

  20. Differenza Tra Business Case E Business Plan

    Differenza Tra Business Case E Business Plan: Assignment, Linguistics, 2 pages by Rising Siri Kaewpakit. Shane. 1378 ... Differenza Tra Business Case E Business Plan, Case Study On Product Design Ppt, Mathxl Cheat Homework, How To Write A Mla Outline, Nida R36 Dissertation Grant, Plan Of An Essay, University Of Pennsylvania Doctoral Thesis ...

  21. Differenza Tra Business Plan E Business Case

    Completed orders:156. Andre Cardoso. #30 in Global Rating. 989Orders prepared. Differenza Tra Business Plan E Business Case. Please note. Progressive delivery is highly recommended for your order. This additional service allows tracking the writing process of big orders as the paper will be sent to you for approval in parts/drafts* before the ...

  22. Differenza Tra Business Case E Business Plan

    Differenza Tra Business Case E Business Plan - Essays service custom writing company - The key to success. Quality is the most important aspect in our work! 96% Return clients; 4,8 out of 5 average quality score; strong quality assurance - double order checking and plagiarism checking.